Le cose migliori nascono nei momenti più inaspettati. Quando qualche mese fa sono stato chiuso dentro casa come milioni di italiani a causa della pandemia, mi sono trovato inevitabilmente faccia a faccia con me stesso. Nell’assordante silenzio di quel periodo, ho iniziato ad ascoltarmi e a pormi profonde  domande sulla vita e sul mio personale cammino. In quella quarantena così particolare, nel quale siamo stati tutti confrontati ad una situazione che ci ha sbattuto addosso un’ondata di emozioni di un’intensità incredibile, abbiamo provato i sentimenti più disarmanti e ci siamo sentiti invasi da profonde paure. Abbiamo tutti negli occhi le immagini e i racconti che le televisioni portavano nelle nostre clausure forzate, e ci siamo tutti interrogati sul senso della vita, che mai come in quelle ore, ci è parsa fragile e indifesa.

In quei giorni dal sapore amaro, nei quali ho cercato anch’io di difendermi e preservare quanto di più prezioso avessi (la vita mia e delle persone amate), ho sentito quanto quel tempo così particolare portasse comunque dentro di sé anche nuove opportunità. Lo abbiamo percepito tutti, tanto che si era andata sempre più affermando una speranzosa credenza presente sulla bocca di tutti: “niente sarà più come prima!”. Ce lo dicevamo con la fiducia che il mondo avrebbe preso finalmente una direzione migliore per noi umani e per il pianeta Terra. In tanti avevamo la percezione che questa incredibile pandemia che aveva bloccato il mondo intero, stesse significando una rottura col passato che ci avrebbe obbligato a reinventarci diversi aspetti del nostro vivere.

Scrivevo in quei giorni: “Questa quarantena non ce la dimenticheremo facilmente, nonostante il fisiologico meccanismo che ci porterà a rimuoverla. Sarà come lievito dentro di noi che potrà far nascere nuove cose. Ci ha confrontato come non mai con noi stessi, facendoci scoprire risorse che non avevamo mai pensato di avere. Ha portato inaspettatamente verità. Verità sulla nostra vita, sulle nostre relazioni, sui nostri stili di vita, sulle nostre abitudini, sui nostri comportamenti. Ha squarciato il velo che avvolge le nostre società democratiche e il sistema economico sul quale si reggono. Sta mettendo a fuoco le scelte compiute, gli orientamenti decisi, i progetti intrapresi, le priorità stabilite. Ha mostrato le debolezze, le contraddizioni, le iniquità, le carenze. Ha setacciato i nostri vissuti per lasciarci solo le pepite che valgono”.

articolo blog ricominciare

In un periodo così difficile, triste, intenso, dove la morte entrava ogni giorno nelle nostre case, ho paradossalmente sentito l’irrefrenabile desiderio di una vita nuova, diversa da quella che stavo conducendo, più in corrispondenza dei miei sogni e delle mie aspirazioni. Probabilmente perché l’ombra della morte scuote le nostre esistenze e le induce a ritrovare le cose che contano. È così che in questa strana, imprigionata, immobile, dolorosa primavera del 2020, è sbocciata dentro di me l’idea di ricominciare un nuovo capitolo del mio viaggio.

Ricominciare è un verbo che mi è caro, forse perché tante volte in questi miei primi 50 anni, mi è capitato di vivere una ripartenza. Forse perché a ben guardare, ci è sempre data un’opportunità per reinventarci. La mia storia è disseminata di esperienze eterogenee, e il mio percorso può sembrare agli occhi di tanti, una parabola sconclusionata e senza una logica portante. Eppure sulle cose che contano (le persone, gli affetti, i valori), sono sempre stato irremovibile.

C’è sempre stata una sola ragione di fondo che ha sempre condotto i miei passi, andando magari anche in direzioni sorprendenti e improvvise: la ricerca del meglio in quella  determinata fase del mio percorso. Ho sempre avuto come bussola del mio apparente vagabondare, la tenace aspirazione alla felicità. No, non è un sogno impossibile! Lo so, siamo spesso incastrati e rassegnati dentro situazioni che non ci piacciono veramente e che ci facciamo andare bene per la concreta ragione che dobbiamo “portare il pane a casa”. Eppure oggi stesso, a ben guardare, per ognuno di noi, qualora ne avvertissimo il desiderio, ci sono opportunità per cominciare quel qualcosa di nuovo che più ci appartiene e che ci restituisce la gioia profonda di essere e vivere!

In quei giorni di marzo passati tra le mura di casa, ho sentito che dovevo provare a costruire una strada tutta MIA. Ho scelto di smettere di ascoltare le paure e le vocine del passato che mi hanno sempre scoraggiato dal intraprendere ambiziose iniziative, per cominciare – ancora una volta – una nuova avventura.

Se stai leggendo questo articolo, sei testimone che ciò è avvenuto. Ho lasciato un paio di opportunità di lavoro e mi sono finalmente concentrato sul MIO progetto. Diventare un freelance, un libero professionista, e aiutare tutti coloro che lo desiderano (attività, imprese, liberi professionisti, associazioni, cooperative, ecc.), a costruire la loro presenza sul web, o a rafforzarla, aumentarla, arricchirla. In questi anni ho studiato, ho seguito corsi certificati, mi sono dotato di strumenti e di competenze, e ho fatto esperienza sul campo. Ciò che mi sembrava un progetto impossibile, è diventato una realtà, un nuovo inizio, un appassionante lavoro.

Ti racconto questa storia, per far riaffiorare dentro di te quel seme tutto tuo e che ambisce a vivere, e che magari non è riuscito fino ad oggi ad attecchire come sperava. Diamogliene l’opportunità!

Quello che pensa “la gente” conta relativamente. Ciò che vi dicono coloro che vi amano ascoltatelo e fatene tesoro. Ma è ciò che sentite dentro, l’unico motore che vi fa avanzare. Date credito alle vostre intuizioni. Fate fiducia alle vostre sensazioni. Smettete di ascoltare quelle vocine che dentro di voi si divertono a dirvi “non ce la farai mai, non sei all’altezza”. Fate ogni giorno un passo concreto – anche minimo – in direzione dei vostri obbiettivi, e vi accorgerete che di strada ne farete sorprendentemente tanta. Fate fiducia a voi stessi quando ogni mattina cominciate la giornata guardandovi allo specchio.

Tutto ciò può sembrare retorico e il solito minestrone riscaldato di frasi fatte. Per me è vita vissuta. Trovate poi voi, il vostro personale modo di aprirvi il cammino davanti.

Buona strada!

“Non aspettare il momento giusto per fare le cose, l’unico momento giusto è adesso.

ASCOLTA UN MIO PODCAST SUL TEMA DEL “CAMBIAMENTO”